LASER-CHIRURGIA DAL 1984
SPECIALITÀ CHIRURGICHE
Ginecologia.

© 2012  Medicallaser S.R.L. Via B. Zucchi 22/a - 20052 Monza (MB) Italia.



PATOLOGIE VIRALI

Tralasciando in questo sito gli aspetti eziologici della condilomatosi, quando una donna è colpita da tale situazione virale è corretto procedere in 2 direzioni:

La prima e la più importante è lo studio del collo dell'utero con pap test, colposcopia ed eventuale biopsia per stabilire se la condilomatosi ha trasformato le cellule della giunzione squamo-colonnare in cellule tumorali (l'eziologia virale è la I causa in assoluto del tumore del collo dell'utero). Una volta esclusa la patologia neoplastica o preneoplastica si passa alla fase di bonifica delle zone attaccate dalla lesioni. L'uso del Laser in questa fase è di prioritaria importanza in quanto garantisce un decorso post-operatorio con scarsissime complicazioni e dolore e soprattutto non deve lasciare residui cicatriziali.

Con l'uso dei Laser si sono evitate devastanti amputazioni (vulvectomie) e sinechie cicatriziali. Lo stesso discorso vale quando l'estensione delle lesioni condilomatose interessano la zona perineale, perianale e del canale anale. La bonifica attraverso l'uso del Laser CO2 in mani esperte garantisce la restituzione perfetta degli organi trattati alla loro funzione.
ASCESSI GHIANDOLARI

Le ghiandole vulvari e periuretrali possono essere interessate da infezioni batteriche con tumefazioni della zona, febbre e forte dolorabilità. A tale obbiettività segue una terapia antibiotica con eventuale incisione dell'ascesso e drenaggio del pus. Se nel corso dei mesi successivi l'ascesso tende a riformarsi si deve decidere per l'intervento chirurgico.

Le vecchie tecniche di "marsupializzazione" o "esposizione a piatto" della ghiandola infetta hanno lasciato posto alla enucleazione Laser assisitita di tutta la ghiandola ascessualizzata con il risultato che dopo 2 mesi dall'intervento non si nota neanche la linea di incisione sulla mucosa operata.
ECTROPION ECTOPIA

La cosiddetta piaghetta del collo dell'utero non è altro che la presenza di tessuto ghiandolare endouterino nell'ambiente vaginale. Tale presenza può essere congenita (ectopia) o post-partum (ectropion).

Non è un tumore ma può portare a infezioni, sanguinamenti e infertilità. L'uso del Laser per la correzione di questa patologia è obbligatorio in quanto restituisce perfettamente la funzione del collo dell'utero senza rischi di complicazioni ne intra ne post-operatorie.
PATOLOGIE

Disturbi o infiammazioni ginecologiche, varie malformazioni genitali, dispareunia o veri e propri impedimenti ai rapporti sessuali sono sinora avvertiti dalle donne come tabù.

Le patologie conseguenti sono delle piaghe con altissimi costi sociali ed economici e soprattutto con un importante impatto sulla qualità della vita. Il nostro obbiettivo è di garantire la risoluzione dei problemi in tempi brevi e senza complicazioni grazie all'uso di tecniche chirurgiche nuove e soprattutto grazie all'applicazione di Laser che trasformano gli interventi da invasivi in conservativi con un'ottima ripresa delle funzioni.

Le patologie che caratterizzano questo nuovo campo della chirurgia femminile abbracciano tutte quelle situazioni che vanno dalla vera e propria patologia funzionale dell'organo al più semplice aspetto estetico.